carta stradaleUn itinerario breve, ma ricco di tutto ciò che il mototurista cerca. Curve, panorama, cibo, un pizzico di arte e bellezze naturali che lasciano senza fiato.

Partendo da Sarnico si seguono le indicazioni per Iseo costeggiando sempre il lago d'Iseo, poi si seguono le indicazioni per Valle camonica, sulla Vostra destra compaiono le torbole, giunti ad un grande rondò proseguite per Polaveno, superato una galleria raggiungerete una nuova rotatoria, fate attenzione seguite il cartello Polaveno, terza uscita, dopo pochi metri ecco l'uscita da prendere uscita Polaveno, da qui inizia la prima fase di godimento con bellissime curve che, attraversando il Passo tre termini, Vi porteranno in Val Trompia. Altra zona ad alto tasso di criminalità giunti alla fine della strada svoltate a sinistra seguendo le indicazioni per il Passo Croce Domini o il Passo Maniva, siete in Val trompia, patria della famosa fabbrica d'armi Beretta. Superato il paese di Marcheno fate molta attenzione a trovare l'uscita per Lodrino, sarà alla Vostra destra. Altra zona ad alto tasso di criminalità, per giungere a Nozza dove un'altra rotatoria Vi condurrà o in Val Sabbia, prima uscita a destra o verso il lago d'idro, seconda uscita.
Prendete la prima e seguite le indicazioni per Salò, seguendo queste non potrete sbagliare e raggiungerete il lago di Garda.
Da qui si prende la Gardesana Occidentale. Dopo aver goduto le tante curve che avete incontrato potreste o godere di una pausa in riva al lago o giunti a Gardone Riviera visitare “Il Vittoriale” e di seguito il giardino botanico “Heller”.
A seconda della Vostra scelta, di seguito, proseguite costeggiando il lago fino a Tignale, attenzione l'uscita si trova alla Vostra sinistra all'uscita di una galleria. La strada inizierà subito a salire, il panorama è qualcosa di incredibile. Seguite le indicazioni per Tremosine, ma prima Vi consiglio una tappa all'Eremo di Montecastello un gioiello di arte e spiritualità a strapiombo sul lago con una vista mozzafiato, c'è la possibilità di parcheggiare all'inizio della strada, o salire fino al parcheggio dell'eremo in questo caso fate molta attenzione la strada è a un unica corsia con un'inclinazione abbastanza forte e una curva a gomito. L'ultima, abbastanza impegnativa anche per noi motociclisti..
Si riprende la strada per raggiungere un'altra meraviglia, la famosa “strada della Forra”, qualcosa che Vi lascerà senza parole. Per raggiungerla, dopo aver visitato l'eremo, proseguite per Tremosine, SP38, proseguite poi per Trento- Riva del Garda, giunti alla frazione di Vesio seguite le indicazioni per Pieve raggiunto una rotatoria svoltate a sinitra e dopo pochi metri ecco a Voi la bellissima “Strada della Forra”. Consiglio di parcheggiare al ristorante e fare una piccola passeggiate per godere il canyon, ATTENZIONE, siete sempre su una strada.
Goduto la forra, si riparte tornati sulla Gardesana Occidentale si sale verso Riva del Garda, da qui si seguono le indicazioni per Valle di Ledro, per godere di un altro lago bellissimo, incastonato nelle montagne trentine, un luogo meno caotico, forse per questo più piacevole del Garda.
Una pausa qui è d'obbligo, per poi risalire in sella e seguendo le indicazioni per Storo e poi il Lago d'Idro.
La zona della Valle di Ledro e il Lago d'Idro è molto frequentata, specie nei fine settimana, da smanettoni e ciclisti, Vi consiglio massima prudenza, invece di correre godete di un luogo bellissimo e molto caratteristico, andando lentamente potrete scoprire particolari e punti di vista nuovi.
Giunti ad Idro, una veloce pausa e si riparte direzione Vestone e Val Trompia. In pochi km Vi ritroverete al rondò incrociato la mattina. Rotatoria che Vi a portato in Val Sabbia, ora tornate indietro dalla stessa strada della Mattina e Vi ritroverete al Lago d'Iseo.

Itinerario : Google Maps 

Itinerario 2 : Google Maps Itinerario con la variante (al posto del Lago di Ledro, si visita la Valvestino e il suo lago)

 

Consigli :

  • I controlli delle forze dell'ordine sono frequenti nei fine settimana, le strade posso spingere ad aumentare la velocità. PRUDENZA
  • L'itinerario proposto può essere effettuato in un giorno con le giuste pause e visite, potete allungarlo con le varie opportunità che la zona offre, soprattutto a livello storico architettonico, Vi consiglio caldamente “Il Vittoriale” e il giardino Botanico “Heller”
    Esiste una variante molto interessante al giro proposto, soprattutto se siete criminali. Ovvero fare la Valvestino e uscire ancora al Lago d'idro. In questo caso, invece di proseguire per Riva del Garda scendete, giunti a Gargnano alla Vostra destra trovate le indicazioni per la ValVestino

 

Gallery

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna